Ecografia Torino

L’ecografia è un sistema di diagnostica medica che sfrutta gli ultrasuoni. Non è un esame invasivo, risulta sicuramente vantaggioso per il paziente per il basso costo, viene eseguito in tempi brevi i ed è totalmente innocuo e privo di controindicazioni.

Quando viene prescritta un’ecografia?

L’ecografia viene effettuata quando risulta necessario verificare la presenza di alcune patologie in diversi organi, ad esclusione di quelli circondati da aria e osso poiché le onde ultrasonore non possono attraversare.

Di seguito alcuni esempi:

  • Torace: cavi ascellari e mammelle.
  • Collo: tiroide, ghiandole salivari, linfonodi, paratiroidi, vasi, cisti cervicali.
  • Addome: vescica, prostata, pancreas, fegato, reni, milza, utero, anse intestinali.
  • Articolazioni e tendini.
  • Pari molli: cisti, tumefazioni.

Tale esame viene utilizzato anche per determinare l’origine di un dolore o determinarne l’organo causante; permette anche di stabilire con certezza perché possa verificarsi un aumento volumetrico di un organo cervicale e/o addominale. Associata al Power-Doppler, permette anche di evidenziare le caratteristiche del flusso ematico.

COSA È NECESSARIO FARE PER PREPARARSI AD UN’ECOGRAFIA A TORINO?

Per effettuare un’ecografia Torino è possibile rivolgersi a molti centri convenzionati che operano su Torino e provincia: attraverso queste strutture si può prenotare la propria visita, chiedere istruzioni a riguardo e quali misure è bene adottare al fine di migliorare la diagnosi. La preparazione all’esame richiede di seguire alcune procedure dietetico – comportamentali che possono variare a seconda dell’organo e della zona oggetto di esame.

In ogni caso, l’esame non è assolutamente doloroso e dura circa 15-20 minuti. Il paziente dovrà solo esser collaborativo e seguire le indicazioni del tecnico come ispirare ed espirare quando richiesto. Dopo essersi sdraiati sull’apposito lettino e scoperta la parte in esame: il tecnico utilizzerà un gel trasparente con l’obbiettivo di eliminare qualsiasi tipo di attrito tra il corpo e la sonda. L’ecografista potrà procedere alla registrazione delle immagini muovendo il trasduttore. In alcuni casi, per alcuni esami specifici, come l’ecografia trans-vaginale o trans-rettale, l’esame può arrecare qualche fastidio ma sempre e comunque di modesta entità.

I risultati dell’ecografia vengono consegnati immediatamente al paziente. Successivamente, è possibile riprendere le attività quotidiane senza problemi. L’ecografia può esse eseguita su tutti i pazienti, di ogni età, anche pediatrici grazie all’assenza di radiazioni ionizzanti.

Perché è importante?

A conferma di quanto detto l’ecografia morfologica, è uno degli esami più importanti eseguiti sulle donne in gravidanza. Grazie ad esso è infatti possibile verificare lo stato di salute del feto. Sembra inutile sottolineare che in questi casi è di fondamentale importanza l’elevato standard qualitativo delle apparecchiature e della preparazione dell’ecografista. Per questo che è importante rivolgersi ai professionisti dei centri Larc convenzionati che operano su Torino e provincia per chiedere tutte le informazioni a riguardo.

Attraverso l’ecografia morfologica è possibile verificare il sesso e le dimensioni del nascituro, la quantità di liquido amniotico, la posizione della placenta ed eventuali anomalie nell’anatomia. La diagnosi morfologica del feto permette ai futuri genitori di esser indirizzati verso l’esecuzione di altri esami più specifici qualora vengano riscontrate malformazioni.

MA COME SI SVOLGE UN’ECOGRAFIA MORFOLOGICA E QUANDO È NECESSARIA PRENOTARLA?

Come già detto si tratta di un esame semplice e indolore, eseguito con una sonda che l’ecografista passa sulla zona interessata del paziente dopo aver spalmato l’apposito gel. L’ecografia viene prescritta dal ginecologo tra la ventesima e la ventiduesima settimana: la precocità dell’esame permette di scoprire immediatamente eventuali anomalie e permette alla paziente di scegliere di interrompere la gravidanza nei tempi previsti di legge.

PRENOTA LA TUA VISITA!