Capillari e vene varicose
24 settembre 2018
VENE VARICOSE E PATOLOGIE CIRCOLATORIE: come si curano?

È soprattutto nella bella stagione che più facilmente ci si rende conto di avere le gambe gonfie o capillari in evidenza. Sono campanelli d’allarme di vere e proprie patologie? Cosa è possibile fare se soffro di vene varicose? Quali risposte offrono oggi Angiologia e Chirurgia Vascolare?

 

La patologie flebologiche sono molto varie e frequenti tra la popolazione. Spaziano dai cosiddetti “capillari”, dilatazioni di piccoli vasi sanguigni superficiali, a problematiche più gravi come le vene varicose, fino ad arrivare alle trombosi venose superficiali e profonde, cioè coaguli di sangue che possono ostruire una vena e avere conseguenze anche gravi.

 
Queste problematiche vengono diagnosticate tramite la visita dallo Specialista in Chirurgia Vascolare o in Angiologia e lo svolgimento di un esame ecodoppler, indispensabili per una diagnosi corretta e l’impostazione della terapia idonea.
 

Le persone più colpite sono soprattutto le donne, a causa di fattori ormonali, rischi legati alla gravidanza e all’uso della pillola contraccettiva.Sono a rischio le persone con una familiarità con le malattie venose o tromboemboliche, tutti coloro che conducono una vita molto sedentaria e che sono affetti da problematiche ortopediche o traumatologiche.

 
Quali sono i trattamenti per curare queste problematiche?

Oggi lo Specialista può contare su un vasto numero di trattamenti, in grado di fornire un programma terapeutico ad hoc per il paziente. Le moderne indicazioni puntano a ripristinare la funzione venosa anziché rimuovere la vena che non funziona correttamente. I trattamenti prevedono: terapie sclerosanti (per vene piccole), terapie microchirurgiche, terapie con strumenti laser o a radiofrequenza e la terapia elasto-compressiva. Solo in bassa percentuale si assiste alla rimozione della safena, il grande vaso venoso che percorre tutto l’arto inferiore.

 
Quali sono i campanelli d’allarme?

Dolori e crampi alle gambe (soprattutto a fine giornata), gonfiori (edemi) e sensazione di “peso” degli arti inferiori sono sintomi di insufficienza venosa da sottoporre allo Specialista.

 
Cerchi una soluzione per risolvere la tua problematica?
 

Scopri subito il Centro Medico Chirurgico Freidour, che grazie ai suoi Medici Specialisti saprà indicare il corretto percorso di cura mirato alle tue esigenze.