dermatologist doctor inspecting woman skin for moles and melanoma

COS’È IL MELANOMA
Si tratta di un tumore maligno della pelle, che può colpire la cute, provocato della proliferazione incontrollata dei melanociti, le cellule che producono la melanina. Il melanoma può presentarsi nelle fasi iniziali come un nevo, da cui però si distingue per la sua disomogeneità, il colore scuro, l’accrescimento rapido e asimmetrico ed i bordi irregolari e frastagliati. Dapprima il melanoma colpisce l’epidermide, quindi progressivamente invade il derma prima superficiale e quindi profondo, per raggiungere infine i tessuti sottocutanei.


LA PREVENZIONE
La prevenzione inizia dallo stile di vita, da semplici accorgimenti come: - evitare l’esposizione prolungata e intensa al sole e sempre con filtri solari - imparare a conoscere ed osservare la propria pelle

La regola ABCDE consente di individuare alcune caratteristiche dei nei e valutare le loro condizioni, identificando qualsiasi cambiamento sospetto nel numero e nell’aspetto. Se una delle condizioni sottoriportate si verifica, è opportuno effettuare con sollecitudine un controllo specialistico.
A - Asimmetria dei nei Se, dividendo idealmente con una linea centrale il neo, le due metà ottenute sono asimmetriche tra loro
B - Bordi irregolari dei nei Se anziché essere regolarmente tondeggiante, il neo comincia ad avere delle frastagliature, delle irregolarità
C - Colore dei nei Se il neo cambia colore, da chiaro diventa scuro o viceversa
D - Dimensioni dei nei Se le dimensioni sono elevate (in genere, quando hanno un diametro maggiore di 6 millimetri)
E - Evoluzione progressiva dei nei
Questa è la caratteristica più importante. I nei che diventano asimmetrici, acquisiscono bordi irregolari, variano di colore o aumentano di dimensioni... i nei che si trasformano, insomma, sono a rischio.

Il melanoma, se preso in tempo, è uno dei tumori maggiormente curabili.


LA MAPPATURA DEI NEI
L’autoesame tuttavia non può mai sostituire un accurato controllo dermatologico dei nei, da effettuare almeno una volta all’anno su tutta la superficie della cute: in questa occasione si possono svelare anche minimi segnali di pericolo che devono essere interpretati da un occhio clinico esperto. Una diagnosi tempestiva è davvero in grado di “salvare la pelle”.

Presso il Gruppo LARC, sono a disposizione le tecniche più avanzate per la mappatura dei nei:la mappatura nei in epiluminescenza con FotoFinder e la dermatoscopia digitale.

Il monitoraggio dei nei è di fondamentale importanza per tutti i soggetti a rischio (portatori di numerosi nevi, fototipo chiaro e/o affetti da positività familiare per melanoma), è utile ridurre al minimo gli interventi chirurgici non necessari a carico dei nei e, al contempo, può aiutare a identificare piccole ma sostanziali modificazioni potenzialmente pericolose per la salute.

Dove effettuare questa prestazione: