Male Doctor Writing On Medical Document
23 maggio 2016
ELASTOGRAFIA EPATICA, L’ESAME NON INVASIVO PER IL CONTROLLO DEL FEGATO

ELASTOGRAFIA EPATICA: Presso la sede LARC di Corso Venezia è ora disponibile la elastografia epatica, un esame diagnostico non invasivo utile a controllare l’evoluzione di alcune malattie del fegato, individuare steatosi, fibrosi epatica e altre problematiche e avere così informazioni sulla salute del fegato. Si tratta di un accertamento complementare all’ecografia e viene eseguito con l’impiego di una sonda a ultrasuoni, del tutto simile a quella dell’ecografo.

Il fegato è l’organo più complesso del corpo umano in quanto a quantità e varietà delle funzioni e per questo può essere considerato come il laboratorio chimico del nostro corpo.Spesso le malattie del fegato sono silenti, cioè non comportano sintomi o disturbi specifici, tanto che la loro presenza è in genere riscontrata solo in seguito all’esecuzione di analisi di laboratorio, con il riscontro di un’alterazione degli enzimi epatici.

La fibrosi epatica, ovvero la sostituzione del tessuto elastico del fegato sano con un tessuto cicatriziale duro, è la manifestazione principale del danno in corso di malattia cronica di fegato. Una diagnosi precoce è essenziale: la terapia è fortemente condizionata dall’accumulo di fibrosi e dalla sua progressione nel tempo, la elastografia epatica permette di ottenere informazioni utili proprio su questi aspetti e indirizzare quindi il paziente a un percorso terapeutico idoneo.

Fino a pochi anni fa, la biopsia epatica rappresentava l’unico strumento di valutazione della fibrosi, una procedura invasiva talora dolorosa e con un rischio di complicanze. L’elastografia epatica invece, con la sonda a ultrasuoni, è in grado di misurare e stabilire in modo non invasivo l’entità della fibrosi, permettendo di seguirne l’evoluzione nel tempo. Si tratta di un test non doloroso, simile nell’esecuzione ad una ecografia: l’esame ha una durata di pochi minuti e viene svolto posizionando una sonda all’altezza delle coste del paziente disteso sul lettino. Modificando la posizione della sonda si possono effettuare diverse misurazioni: l’esame non viene utilizzato solo per la diagnosi di una malattia del fegato, ma è largamente impiegato anche per valutare la risposta al trattamento.

I principali vantaggi offerti dall’elastografia epatica sono la rapidità di valutazione della fibrosi e la non invasività dell’esame, che lo rendono facilmente ripetibile nel tempo. I suoi risultati chiari e sicuri permettono nella maggioranza dei casi di evitare la biopsia in molti pazienti affetti da epatite cronica. Inoltre questo esame è attualmente il miglior strumento per la diagnosi precoce di cirrosi. Importante infine il suo utilizzo nella prevenzione: in associazione ad esami del sangue specifici ed eventualmente ad un’ecografia permette di valutare lo stato di salute del nostro fegato.

Presso le sedi LARC, l’elastografia epatica è disponibile privatamente nella sede di Corso Venezia 10. Per info e prenotazioni, telefonare al numero 011.0341777 o rivolgersi direttamente in sede.